Schiaparelli a Paris Haute Couture, una primavera-estate 2015 per dive d’altri tempi

E’ una diva d’altri tempi la donna che ha sfilato in passerella a Paris Haute Couture per il brand Schiaparelli: la primavera-estate 2015 del rinato marchio di Alta Moda, infatti, infonde uno stile retrò, senza tralasciare accessori dal gusto futuristico.

Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015

Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015

Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015Schiaparelli a Paris Haute Couture primavera-estate 2015

Il rinato brand Schiaparelli sfila nel secondo giorno di Paris Haute Couture, portando in scena la sua collezione di Alta Moda femminile che guarda indietro ad un glorioso passato che viene reso più moderno da alcuni dettagli stilistici davvero interessanti, come i gioielli che le modelle indossano in passerella. La maison di moda, “risorta” grazie all’impegno di Diego della Valle, è ancora senza direttore creativo, ma non senza identità.

I segni di Elsa” è il nome che è stato dato a questa collezione che lo studio interno della maison ha realizzato in collaborazione con Jean Paul Goude. E’ un vero e proprio ritorno alle origini, alla sperimentazione con la quale il marchio rivale di Chanel negli anni Trenta ha rivoluzionato l’Alta Moda internazionale. Sperimentazione che, come successo in passato con Christian Lacroix, per ogni collezione si avvale della collaborazione di designer di fama internazionale, pronti a dare la loro impronta ad un brand storico.

La collezione, dunque, si ispira al passato con capi di abbigliamento dal gusto decisamente retrò: molto elegante il tailleur, così come le gonne lunghe e gli abiti che danno l’impressione del drappeggio, così come sono molto interessanti gli accessori, come i gioielli che decorano ogni look con uno stile futurista, le borse che sembrano dei pacchetti regalo ancora tutti da scartare, gli accessori per capelli sfiziosi e frou frou.

Ci piace

Questo ritorno alle origini ci permette di sognare e di immaginarci come splendide dive del passato, pur mantenendo i piedi ben saldi nel presente, dal momento che ogni capo è comunque pensato in un’ottica contemporanea. Molto interessanti gli accessori, in particolare le borse: deliziose!

Non ci piace

Alcuni capi di abbigliamento risentono forse un po’ troppo di uno stile scenografico, ma del resto questa è l’Alta Moda, non deve essere per forza “pronta da indossare” nella realtà.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Schiaparelli a Paris Haute Couture, una primavera-estate 2015 per dive d'altri tempi é stato pubblicato su Fashionblog.it alle 14:44 di lunedì 26 gennaio 2015.








You may also like...