Category: Cinema

Festival di Cannes 2017 Sveva Alviti in blu Atelier Emé

SVEVA ALVITI A CANNES IN ATELER EME'

SVEVA ALVITI A CANNES IN ATELER EME'Festival di Cannes 2017 Sveva Alviti in blu Atelier Emé. Tra le star italiane a rappresentare il nostro paese al festival di Cannes la splendida Sveva Alviti.
La protagonista del film biografico Dalida ha calcato il red carpet durante la Cerimonia d’apertura della 70esima edizione del Festival indossando un raffinato abito della collezione ATELIER EME’.

In raso lucido color blu notte, con gonna ampia, bustier semirigido e coda, l’abitoATELIER EME’ esalta la bellezza sofisticata di Sveva.

Di un’eleganza senza tempo e di una classicità mai scontata l’abito ATELIER EME’ grazie alla scollatura che lascia le spalle scoperte e ad alla cintura che evidenzia il punto vita valorizza il fascino della modella e attrice italiana che grazie alla sua bravura e professionalità ci ha fatto riviere la storia della cantante italo-francese Dalida.

Festival di Cannes 2017 la madrina Monica Bellucci è arrivata con la borsa Gucci

monica bellucci cannes2

monica bellucci cannes2Festival di Cannes 2017 la madrina Monica Bellucci è arrivata con la borsa Gucci. La madrina del Festival di Cannes 2017, Monica Bellucci è finalmente arrivata e ha già sfoggiato un look elegante e chic. 

Festival di Cannes 2017 la madrina Monica Bellucci sul red carpet

Monica Bellucci, madrina del Festival è arrivata a Nizza e all’aeroporto è stata fotografata con un look da viaggio davvero stupendo.

Monica elegantissima indossava un completo nero leggero, occhiali da sole e una stupenda borsa Gucci con le tigri. 

monica bellucci cannes

 

 

73° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia Valentina Lodovini in Ermanno Scervino

Valentina Lodovini - credit_Catalano_SGP

Valentina Lodovini - credit_Catalano_SGP73° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia Valentina Lodovini in Ermanno Scervino. Continua la parata di stelle del cinema al Festival di Venezia.

73° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia Valentina Lodovini in Ermanno Scervino

Sabato 3 settembre, per la première della serie tv The Young Pope, diretta dal regista premio Oscar Paolo Sorrentino, che si è tenuta presso il Cinema nel Giardino del Lido di Venezia in occasione della 73° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, l’attrice Valentina Lodovini ha scelto di indossare un abito lungo in pizzo nero, di Ermanno Scervino.

Festival del Cinema di Venezia la madrina Sonia Bergamasco veste Giorgio Armani

Sonia Bergamasco - SGP

Sonia Bergamasco - SGPFestival del Cinema di Venezia la madrina Sonia Bergamasco veste Giorgio Armani. Re Giorgio veste la madrina Sonia Bergamasco in occasione della 73ESIMA EDIZIONE DELLA MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA.

Festival del cinema di Venezia Sonia Bergamasco in Armani

Martedì 30 agosto, per l’arrivo al Lido in occasione della 73esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, la Madrina Sonia Bergamasco ha indossato un completo composto da camicia in crepon di seta rosso con pantaloni svasati blu navy, della collezione Giorgio Armani.

Suburra al cinema: gli abiti che indossa Giulia Elettra Gorietti (Sabrina) sono firmati Federica Pittaluga

GIULIA-ELETTRA-GORIETTI-ABITO-FEDERICA-PITTALUGA-SUBURRA

GIULIA-ELETTRA-GORIETTI-ABITO-FEDERICA-PITTALUGA-SUBURRA

Federica Pittaluga, stilista dall’innato talento e dalla grande creatività, ha vestito la famosa attrice italiana Giulia Elettra Gorietti in tutte le scene del nuovo film “Suburra”, diretto da Stefano Sollima (già regista della serie Gomorra e Romanzo Criminale) e tratto dall’omonimo romanzo di Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo.

Giulia, una delle protagoniste del film, interpreterà Sabrina, una escort di lusso attraente e terribile che la vedrà al fianco di attori famosi come Pierfrancesco Favino, Elio Germano, Claudio Amendola e Alessandro Borghi. I capi, disegnati e realizzati appositamente dalla designer per l’attrice, rappresentano alla perfezione il suo ruolo: quello di una donna libera da ogni regola.

La storia di “Suburra” racconta dell’intreccio fra politica, ambienti ecclesiastici, il sottobosco in cui si muovono mafia, corruzione, riciclaggio di denaro, droga e prostituzione. La scelta di Giulia Elettra Gorietti da parte del regista è nata grazie alle grandi doti dell’attrice che, dopo aver letto il libro “Suburra” durante una vacanza in California, si era appassionata alla storia. Affascinata dal personaggio di Sabrina, decise di fare un auto-provino, dando una sua personale interpretazione attraverso un monologo che stupì il regista tanto da scegliere l’attrice per interpretarne la parte. «…La storia raccontata in Suburra è molto attuale… era da tempo che desideravo fare un film così: tanto complesso quanto reale», dice l’attrice riferendosi all’attuale inchiesta “Mafia Capitale” che ha travolto Roma.

L’attesissimo film “Suburra” è uscito il 14 ottobre in tutte le sale cinematografiche.

“Dior and I”, arriva al cinema il film dedicato alla celebre maison di Alta Moda

dior-and-i

dior-and-i

“Dietro le quinte dell’Alta Moda, dall’ideazione alla sfilata, dove le telecamere non sono mai arrivate.” Il 3 giungo nei cinema di tutta Italia grazie a The Space Movies arriva il film “Dior and I”.

Presentato in anteprima mondiale a New York in occasione del Tribeca Film Festival 2014 e selezionato come evento speciale nell’ambito del 55° Festival dei Popoli, il fashion doc di Frédéric Tcheng, Dior and I – una sfida creativa, arriverà il 3 giugno nei cinema italiani grazie a Universal e The Space Movies, in collaborazione con mymovies.it e Wanted Cinema.

Dior and I è un viaggio all’interno della celebre maison Dior per ripercorrere le sette settimane che hanno segnato il debutto alla direzione creativa del designer belga Raf Simons: dall’ideazione dei modelli, alla realizzazione dei capi grazie all’instancabile lavoro delle sarte, fino ad arrivare alla sua prima attesissima sfilata haute couture tenutasi il 1° luglio 2012 a Parigi. Un’occasione imperdibile per esplorare il “dietro le quinte” del processo creativo di una collezione di alta moda ed assistere, quali testimoni privilegiati, all’eccezionale rinnovamento dello spirito e delle tradizioni della leggendaria griffe.

“Si è trattato di un’esperienza fortemente emotiva, poiché mi sono rivisto in un periodo della mia vita dove ho provato moltissime emozioni diverse, tra cui anche la paura. è stato strano rivedersi in quelle situazioni” – ha dichiarato Raf Simons a proposito del documentario – “nel film c’è un forte senso di intimità, il quale credo sia anche presente nell’azienda di Dior. non appena ho varcato le porte di quest’edificio mi sono reso conto che si tratta di una grande famiglia”.

 

 

Il Grande Gatsby su Canale 5 e gli abiti anni 20 disegnati da Prada

abiti-grande-gatsby

abiti-grande-gatsby

Su Canale 5 va in onda Il Grande Gatsy di Baz Luhrmann, uscito nei cinema due anni fa e che vede come protagonista Leonardo Di Caprio. Un film che, con gli abiti, i gioielli e le location scelte, si classifica come uno dei più glamour degli ultimi tempi. Diamo un’occhiata ai costumi, disegnati per l’occasione da Miuccia Prada e dalla costumista Catherine Martin.

Gli abiti sono stati oggetto di una mostra itinerante che, nel 2013, ha toccato città quali New York e Tokyo: l’esposizione prese il titolo di “Catherine Martin and Miuccia Prada Dress Gatsby” e ha combinato abiti da sera, vestiti, cappelli, calzature e gioielli utilizzati sul set del film.

Il Grande Gatsby, inoltre, ha inaugurato la 66esima edizione del Festival del Cinema di Cannes. La pellicola, inoltre, si è aggiudicata due premi Oscar nel 2014 come Miglior scenografia a Catherine Martin e Beverley Dunn e Migliori costumi a Catherine Martin.

Gli abiti sono stati creati con la collaborazione di Miuccia Prada che si è resa conto che le sue collezioni di Miu Miu e Prada avessero un’ispirazione decisamente anni ’20. Per questo motivo i costumi le sono apparsi assolutamente attuali con le loro paillettes, pellicce colorate, velluto e cappelli meravigliosi, scarpe chic e diamanti.

La stessa stilista, in un’intervista rilasciata in occasione dell’uscita del film, ha raccontato: “La cosa più curiosa è che nessuno dei miei abiti era stato pensato per essere un costume anni Venti: il suo film li ha resi più anni Venti delle immagini d’archivio! Negli anni Sessanta, quando mi sono formata, il cinema era un parte talmente importante della mia crescita! Lo seguivo assiduamente insieme al teatro. La mia ricerca sull’arte è arrivata dopo.”

NELLA GALLERY QUI SOTTO TROVATE LE FOTO DEGLI ABITI DEL GRANDE GATSBY

2W2M partecipa al film “Sei Mai Stata Sulla Luna?”: la moda non finirà mai di vestire il cinema

A poche settimane dalla presentazione nelle sale dell’ultimo film di Paolo Genovese “Sei Mai Stata Sulla Luna?”, il brand italiano Two women in the world specializzato nel denim, annuncia la sua partecipazione al progetto in veste di sponsor di product placement. Per festeggiare il suo ingresso nel mondo del cinema, in occasione di Pitti Immagine […]